LANGUAGE:
MENU

mostre

MOSAICI D’ARTISTA

dall’esperienza della Scuola Mosaicisti del Friuli le opere degli artisti
16 giugno 2012 – 22 luglio 2012

In questo secondo spazio espositivo la Scuola Mosaicisti del Friuli si presenta al pubblico in modo nuovo: da una parte mostra una sintesi del proprio percorso didattico triennale, dall’altra documenta l’esperienza artistica maturata dagli allievi dopo la scuola. Essi dimostrano autonomia e creatività, capacità di scelte e proposte musive che manifestano tutta l’energia e l’attualità che esiste nell’arte del mosaico oggi.


Nella prima parte – didattica - si ripercorrono a grandi linee le radici del mosaico attraverso gli intramontabili repertori di Aquileia (cuore del mosaico romano e paleocristiano) e di Venezia, con esempi medievali e rinascimentali. Il rilancio - in stile moderno - del mosaico nell’architettura si segnala attraverso la tecnica a rovescio su carta messa a punto dal mosaicista sequalsese Gian Domenico Facchina (il famoso mosaicista dell’Opera di Parigi). Le recenti ricreazioni musive, ci proiettano invece nella contemporaneità, nella ricerca, nella sperimentazione.


Dopo il percorso didattico della Scuola Mosaicisti del Friuli, inizia la mostra degli artisti, tutti ex allievi, giovani e meno giovani, invitati a presentare le loro opere originali, le loro ideazioni e realizzazioni personali, documentando il fermento e le potenzialità del mosaico contemporaneo, sottoponendo allo sguardo del visitatore progetti inediti e superfici dalle tramature dinamiche, accese da colori intensi o modulate da delicati trapassi, texture capaci di creare suggestioni e riflessioni sempre nuove. Sono gli artisti del mosaico attuale, alcuni già con esperienze espositive in mostre o in gallerie dedicate all’arte contemporanea. I loro lavori vengono raccolti e presentati in un catalogo ad hoc, orgogliosamente dedicato a loro dalla Scuola Mosaicisti del Friuli che li ha formati, li ha accompagnati e li accompagna nella realizzazione di sogni e aspirazioni.


Ne scaturisce per tutti una riflessione su dove siamo arrivati e dove stiamo andando, nel segno di un mosaico che si evolve e che cresce.